Skip to content

MAISJOGOS.INFO

ALTRI GIOCHI

LU BOTTU SCARICARE


    Contents
  1. ABBIRIRI CHI MI VEGNU E DICU ASCHI
  2. Letteratura Siciliana
  3. Lu dudici jnnaru 1848
  4. A.s.d. Dialetto Sampietrano

scarica lu bottu (gioco degli anni 60). November 18, at AM. II gioco è prettamente maschile e si svolge all'aperto. Si formano due squadre di ugual. "Quattru e quattrotto scarica lu bottu, aceddu ncu li pinni scarica e vattinni unu dui e tri unu dui e tri unu dui e tri". gioco che durava il tempo del ritornello (vedi filmato) che recitava così: “ 4 e 4 ottu, scarica lu bottu, l'aceddu cu li pinni, Scarrica e vattinnni”!. aveva anche il compito di recitare a squarciagola una filastrocca -Quattru e quattr'ottu e scarica lu bottu, acieddu cu li pinni scarica e vattinni- per poi effettuare. velocemente: “Quattru-e-quattru-ottu-scarica-lu-bottu-aceddru-cu-li-pinni- scàrica-e-vattìnni-aschi-aschi-aschi” A questo punto il gioco è finito.

Nome: lu bottu re
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file:65.82 MB

LU BOTTU SCARICARE

Ecco un gioco di società da sempre passatempo dei bambini trapanesi. Il numero di partecipanti non è importante. Da quattro in poi va bene. Si formano due squadre, ciascuna con un capitano. Il gioco, semplice e divertente, è conosciutissimo in tutta Italia e in tutto il mondo coi nomi più disparati.

ABBIRIRI CHI MI VEGNU E DICU ASCHI

Poco più lungi si rinvennero pure altri due cadaveri irriconoscibili. I primi cadaveri furono estratti solo undici giorni dopo lo scoppio del grisou: molti erano di "carusi". Tri ghiorna di macellu Tre giorni di macello di martorii e beccamorti di mortori e beccamorti di lamenti e chiantu di lamenti e pianto nte casi di poviri.

Ci fu carni a bon prezzu Ci fu carne a buon prezzo nte tavuli di baruna; sulle tavole dei baroni; a bon prezzu a buon prezzo pi sovrani di Roma; per i sovrani di Roma; a bon prezzu pi Crispi, a buon prezzo per Crispi, macillaru di corte; macellaio di Corte; e Lavriano e Lavriano ginirali e sicariu generale e sicario pagatu a ghiurnata.

Si si sicilianu Se sei siciliano isa u vrazzu, alza il braccio, grapi a manu: apri la mano: cincu banneri russi, cinque bandiere rosse, cincu! Adduma a pruvulera du cori! Accendi la polveriera del cuore! Si si sicilianu Se sei siciliano fatti a vuci cannuni, fatti la voce cannone, u pettu carru armatu, il petto carro armato, i gammi cavaddi di mari: le gambe cavalli di mare: annea i nimici da Sicilia! Cantanu odi o suli Cantano odi al sole o celu al cielo o mari al mare a zagara, alla zagara, e portanu a Sicilia ntronu e portano la Sicilia sul trono cu velu niuru col velo nero di mala maritata.

Chi vrazza, Con le braccia, i rami virdi da Sicilia, i rami verdi della Sicilia arrimiscanu a terra, rimescolano la terra, rumpinu timpuna, rompono le zolle, siminanu seminano e fanno orti e ghiardina.

Chi vrazza…, Con le braccia, fabbricanu palazzi, fabbricano palazzi, costruiscinu scoli, costruiscono scuole, ponti, ponti, officini officine e aeroporti. Chi vrazza, Con le braccia, i lapi di meli da Sicilia le api da miele della Sicilia grapinu strati, aprono strade, spirtusanu muntagni, perforano montagne, svacantanu a panza da terra. Cca nascivu, Qui sono nato addattavu nte minni di sta terra, allattai nelle mammelle di questa terra ci sucavu u sangu: le succhiai il sangue; si mi tagghiati i vini, se mi tagliate le vene, vi bruciati i manu!

Non dumannamu pirdunu a storia Non chiediamo perdono alla storia ora ca nni scurdamu ora che abbiamo dimenticato i martiri di tutti i tempi i martiri di tutti i tempi ca misiru u coddu sutta a mannara che misero il collo sotto la mannaia senza chianciri: senza piangere Di Blasi, unu!

Petri e fangu Pietre e fango Pi cu supporta a miseria, per chi sopporta la miseria, petri e fangu pietre e fango pi cu batti i manu e putenti per chi batte le mani ai potenti petri e fangu pietre e fango pi cu non metti u coddu per chi non mette il collo nta furca da libirtà: nella forca della libertà: u dicu e siciliani, lo dico ai siciliani e mi scatta u cori!

E ci turcisti u pugnu. Etichette: ignazio buttitta , poeti , un secolo di storia. Post più vecchi Home page. Iscriviti a: Post Atom. Accusu i politici. Accuso i politici. Crispi e compagni,. Crispi e compagni. Accusu i Savoia,. Accuso i Savoia,. Un seculu di guerri,. Un secolo di guerre,. Share this: Twitter Facebook. Mi piace: Mi piace Caricamento Rispondi Annulla risposta Scrivi qui il tuo commento Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:.

E-mail obbligatorio L'indirizzo non verrà pubblicato.

Hai letto questo?SCARICA NEO EMULE

Chiamato il notaio, divide i beni tutti in due parti, l'una, la migliore, per sé, l'altra per la princi- pessa. È la VI delle rarissinie Novelle di M. Si ni iju un siryituri, e iddu nni pigghiau n' àutru. Si chia- ma V arripusanti. Si chiamanu li 'mpidugghianti.

Si ni iju 'ntra la cucina; c'era la gatta supra lu fucularu. Chista, gatta si cliiama? Si chiama allegra- populu. Si chiama vesti-populu. E poi nni maritammu nuiàutri dui.

Letteratura Siciliana

Scinniti di l'arripusanti, mittitivi li zucculanti , dati a cura pi li 'mpidugghianti! Lu gattu si tirau lu mèc- ciu di la cannila, si ni iju 'mmeozu lu linu, e si nun curriti pri Tacqua, si perdiau tutti li sustanzi. E accussi fi- nisci lu cuntu di Tippiti nnàppiti. Una versione siciliana è in Pitrè, Otto fiabe e novelle, n. VII : Lu rnastru scarparu fdosufu. Le parole del servo nel!

La stessa novella è nelle Tredici piacev. IX, fav. Un affettuoso art colo necrologico del sig. Vincenzo Gialongo mi apprende oggi stesso 21 marzo , mentre io correggo queste stampe, essere il bravo Mnrolla morto in Poli zzi il 15 febbraio. Sia pace alla sua bell'anima!

Il giovane risponde bene; ma Pa- piro gli dà dell'asino e lo corregge dicendo che le voci latine corrispondenti sono ripossarium , saltagraffa , carniscoculum , ahondantia, suhstantia. Li quattru minchiuna. Li tri minchiuna di Palermu. Eu su- gnu lu cchiù minchiuni, e la cappottu tocca a mia.

Eu, sutta la botta chi me mairi nisciu, vaju pi lu panàru; ac- cumenzu a manciarimi ddi ficu. Pi mala fortuna mia veni me matri chi si scurdau la curuna K Chi mi truvava eu? A cu' va a'ddumanna pi sta curuna me matri? Jamu a lu secunnu. E pi la me minchiunanza ristai senza né zita né occhiu.

Quello sbruffo continuo di acqua mi cadeva sempre suU'occhio, e me lo fece schizzar fuori, e n e lo ridusse una cosa da far pietà..

Quannu vui mi faciti vèniri ssi stivaletti, quantu vuliti vi dugnu. Eu pi Pamuri di la me zita mi fici tagghiari mezzu pedi, e la scarpa mi vinni. Ma cu ssa scusa cci appizzai lu pedi e puru la zita, ca nun mi vosi cchiù. La terza pri nun si chiù- diri la porta nni li gran timpurali arristau morta di lu friddu. La stessa novella nostra trovasi nelle Tredici piac. Notti dello Straparola, not.

Vili, fav. Un gen- tilhuomo pronuncia dover esser di colui che farà k più pol- tronesca prodezza, e la causa rimane indiscussa. Cu' cci aveva a rispunniri, ca era paggbia?

Gli stessi bùrgiura ho visti in Trapar' pel saie fatto nelle Saline. È una satira contro i Palermitani, i quali secondo questa novellina non saprebbero distinguere una casa modesta da un monte di paglia. Lu pignataru di Palermu K 'Na vota si canta e s'arriccunta ca cc'era una di chisti pignatara di Palermu ca nèscinu pri li paisi cu un càr- ricu di ruttami e la vannu vinnennu.

Dunque com'ho a fare io? Favula ditta, favula scritta, Diciti la vostra ca la mia è ditta. Io ccà m'hé 1 In questa novelli la narratrice palermitana racconta nella sua ] ur- lata natale, ma imita nei dialoghi il parlare di qualche comune lontano di Palermo. La caratteristica di questa imitazione è Vjeu per io e la gli per gghi nelle voci vogghiu, flgghiu ecc.

Altre voci non palermitane sono: picciliddu per picciriddu, jisterna per ci- sterna. L'origine di que- sto proverbio si trova nella presente raccolta. Ora mi nni vaju Juncennu 'nta n'àutru paisi vidi 'na gran fudda davanti la Chiesa: e cc'era una tutta 'mpupata ' chi s'avia di ma- ritari e com'era longa longa e avia 'na gran pittinatura, 'un putia tràsiri di la porta ; e la matri chiancia , ca la figghia 'un si putia maritari, e cci arristava schetta. Addetta o gaddetta, o 'ddetta , o agghietta, fossarella che fanno i fanciulli per giocare alle nocciole.

A la nisciuta di la Chiesa, iddu flci lu stissu. Lu picciottu si nni iju 'nta n'àtru paisi. Arrivau prima di Tarba, e s'arristau darreri la porta d'un raaàsenu. Sin- teva parrari, talia di lu pirtusu di la porta , e vidi un maàsenu china di casci, a la cima 'na donna chi filava. Gè' I comu cci arrivau la gastima! Si ricordi che nel popolo S. Antonio è il protettore di questi a- nimali. Lu picciottu cuntintuni si pigghia tutti sti cosi e si nni torna a lu so paisi.

La matri comu lu vitti cu sti cosi vosi cantata tutta la storia, e iddu cci la cuntau. Ani- varu a maritarisi, e lu 'nnumani chi si livaru ziti, lu zitu nisciu pi jirisi a'ccattari la carni.

Comu iddu cci dissi accussi , la mugghieri si misi a chianciri dicennu:— a Gè'! È un uso funebre. Fuori Sicilia corre ne più né meno che tra noi, e ne varia solamente qualcuno degli aneddoti avvenuti al giovane che va in cerca di una sposa meno sciocca di quella che s' è scelta nel proprio paese. Nel Bastianelo, n. VI delle Fiabe popol. NONI, un marito lascia la moglie perchè essa, la madre e il padre piangono pel pensiero che passa a lei di poter ingravidare, fare un figlio a nome Bastianello e questo figlio poterle morire.

Partendo col proposito di tornare se troverà persone più balorde, in un altro comune egli trova uno sciocco che volea riempire un recipiente d'acqua collo staccio; in un altro uno che s' affanna a saltare da un albero a gambe ferme per infilarsi di un colpo un paio di brache tenutele dalla moglie; e in un altro una nuova sposa che non potea entrar solenne- mente per la porta della città perchè a cavallo, ed era più alta che la porta. L'aneddoto del porco si riscontra con quello di Maju longu di questa raccolta, e con un altro affatto simile della Pata- locca, novella bolognese della Coronedi-Berti.

Lu Lar carisi. Lu bastimentu facia vela di notti e lu friddu trasia 'nta Tossa. Mischinu lu Larcarisi battia li denti e si cugghia tuttu; ma era tuttu 'nùtili, ca la tramuntana cci tagghiava la facci. Ga- mina, camina, tant'è lu bastimentu junci a vista di Pa- lermu. Diciti la vostra ca la mia è tutta.

Lu Partannisi. Ora lu tagghiu. Quannu menu si Paspittava, rùmpisi lu ccippu, e abbucca dd'arvulu, e lu Partannisi scuppau 'n terra quant' era longu. Murivi I Purtatimi a vurvicari a lu paisi!

Cc'eranu ddà 'nna pocu di viddani, tutti Partannisi. E chiddi, minchiuni minchiuni lu pigghiaru pri dda 'ntrata e lu purtaru a Partanna comu mortu. Si legga Le Cene di A. Grazzini detto il Lasca, c.

Lu dudici jnnaru 1848

Nelle parole messe in bocca al capaciolo è imitalo e forse non esage- rato il parlare di quel comune, il quale vocalizza assai più che non si creda le parole. Haju passatu tanti patruna, e ora capitavi 'mmanu vostra. La mugghieri pi 'na parti si dispiaciu ca cci avia appizzatu lu sceccu, ma pi 'n'àutra parti cun- tintuna ca lu sceccu avia addivintatu cristianu. Lu viddanu si misi a chianciri pi la pena, poi cci misi 'nta li manu un dudici-tari e nni lu fici jiri.

Lu latru comu si nni iju, iju a truvari a lu cumpagnu cu lu sceccu; cci cunta tuttu lu fattu, e jeru a vinniri lu sceccu.

Lassamu a. Cristina a T Alivuzza va p' accattari un sciccared- du. Stu bazzariotu lu iju a vinniri a la Fera di S. Va lu Gapaciotu e metti a firriari fera fera. Quarchi n'àutru piccatazzu gruossu gruossu aviesti a faril Chi ti criedi ca t'accattu arrieri? No, no, minchiimi! Treviso, Andreata, , in 8; ristampa di altra edi- zione dello stesso anno fatta in Venezia, ma datata da Ornate, Questi uscito dal bosco, trova il romito in luogo dell'asino, lo mena a casa, e lo trattien seco a cena e all'albergo.

La bestia inso- lentisce, prevarica, scandaiezza Gianni e impenitente si muore. Operette dell'ah. Venezia, Gir. Questa novella fu anche tradotta in inglese col titolo : The Cordelier metamorphosed, by Migh. Colombo, and the Cordolier cheval of Piromvith a traslation in prose and verse hy M. Hib- BERT. London, , in 4. Un juornu stu Calavrisi si risolvi. I, pag. Gaetano Di Giovanni. Stu me cullega è 'ncummudatu , ed è divotu di S.

In Sciacca son celebri le feste che si celebrano a questo santo, sulla cui bara si siedono quand'essa si porta in giro per la città tutti quegli erniosi che attendono la guarigione istantanea. Qualela o cautela, brachie- re, cinto erniario.

Ristanna poi la cridituri ni la putia cu lu mirceri , chislu ci dissi di tràsiri ni una càmmara ddà dintra, pirchi ni la putia li genti lu putianu vidiri. Chiddu trasiu, e nun ci paria Tura chi si vidia cunsignati li dinari pri jirisinni.

A.s.d. Dialetto Sampietrano

Ma la cosa nun fu accussi; cà mentri chistu lu taliava praviri li dinari, chiddu pigghiau lu vracàli a li manu e ci urdinava di spugghiarisi, nun putennula accussi di fora pigghiari la misura! A mia mi ha ditta ca aviti bisognu d' una quatela, pirchi dici ca siti divotu di S. Guntau poi tutta la ragiuni a lu mirceri, ca avia datu tanti dinari a lu Pitralisi, ca ci avia datu a mangiari ni la tratturia, e poi dispiaciutu e currivatu di la cutuliata ehi chiddu ci avia fatta, si nni iju.

E accussi lu Pitralisi minchiuniau a lu Gifalutanu. VI, cap. X, pag. Ora arresta chiddu ch'avia a pricurari à carni: — Pi discursu abitava a Malazzu, dicissiam nùa, a porta Missina. Ogni jornu sapia chi calavanu li Limirioti e purtavanu a bindiri ciurri. Chi m'é 'nginucchiari! U lazzaroni 'ntramenti, mentri chiddi si sciarriavanu, avia nisciutu di 'n'autra porta d'à eresia, ch'i ciurri 'mmanu, e l'avia purtatu und'i so cumpagni. Un aneddoto consimile è in Firrazzanu.

Questa spiritosa capestreria fa raccontata sotto varie forme da più d'un autore, e se ne trova un accenno perfino nelle Novelle del Sacchetti, n. CCXX, là dove Gonnella compra un paio di capponi. Notti, fav. Carlo Casalic- CHio, Vutile col dolce, cent. I, dee. Il, arg. Invece di pagarli conducono il villano al monastero e sotto il pretesto che egli si voglia confessare, lo consegnano ad un frate, che scopre l'inganno.

Stu latru addunca pigghiau amicizia cu un latru di Na- puli, e ficiru cuUianza e si facianu 'nzèmmula li scurcid- di -. Un jornu, sapiti comu su' li Napuli tani?

Un prov. Livio, dice : Napulitanu largu di vucca e slrittu di manu. Si partinu di notti lu Sicilianu e lu Napulitanu cà avianu ad essiri tuttidui e lu Napulitanu jetta 'na billissima scala di sita a la fi- nestra tutti sti cosi di notti , e acchiana lu primu.

Lu latru Sicilianu cci acchiana di sutta, e 'ntra mentri chi chiddu acchianava, chistu, zittu tu e zittu eu cci tagghia c'un rasolu li soli di li scarpi a lu Napulitanu, e si li metti 'nta la bunàca. Ghiddu nun ni 'ntisi nenti. Lu megghiu chi è, facemu li cosi di bonu ac- cordu, e stàmunni sempri 'nzémmula. Lu Napulitanu e lu Sicilianu K 'Nta stu miinnu munnu 'na vota jia caminannu un Na- pulitami, e aviennu fattu tanti viaggi , a la fini sbarcau a Palermu. A la lucanna, avennu acldumannatu cu' c'era di passeggeri.

Il siciliano mangiava e mangia- va. Traseru, e ficiru li ci- rimoni a lu Principali, poi vinniru a dirici lu motivu di la vinuta, ca era di vuliri accattari tanti pezzi di roba. A la finuta lu tratturi ci 'ncugnau, e dissi qualchi palerà pri aggiustàrisi. Lu Sicilianu, cu ddu cappiddazzu 'nsunsatu, tuttu seriu seri u ci rispusi : — 8 E bonu!.. Iddu stava friscu! A li strati strati li dui cumpagni si quistiuna- vanu di cui avia fattu la cchiù granni 'spirtizza. Fattu lu nigoziu, lu Sicilianu partiu pri lu so paisi, cuntenti comu 'na Pasqua.

Lu Napulitanu tantu cuntenti pri aviri accattatu lu cap- piddazzu, si ni iju dintra, e lu dumani nisciu cu 'na cin- quantina d'amici pri fari trattamentu a tutti.

Chi è Cappiddazzu paga tuttu? A mia m'havi a pagari vassia, no lu cappiddazzu! Nisciutu fora lu Napulitanu, ancora si facia curaggiu , cridènnusi ca dda cosa nun ci Pavia dittu a lu tratturi cu lu tonu di lu Sicilianu.

Si ni iju a la casa e si purtau tutti ddi va- slunati. Si ni iju cu so mugghieri e li soi figghi, an- chi cu li so' amici, e ci prumisi di la matinata falli man- giari franchi. Traseru ni 'n'àutra tratturia, e misi a cuman- nari 'nsocchi cci piacia. Chistu era, vonnu diri, un cammareri Ccà 'n Palermu 'na vota ce' era la Riggina, e vosi ca- nusciri a Firrazzanu.

Firrazzanu cci iju , e la fici allia- nari 'anticchia. La Riggina pi fàrisi sen- tiri jisava la vuci, e macari facia gridi, e la Cicca cchiù di cchiù a gridari, sina ca paria ca si sciarriavanu. Ziu custureri chi torci lu mussu. Ghiamau a Firrazzanu e si fici chiamari un cu- stureri. Li custureri quannu tagghianu lu pannu si so- linu torciri lu mussu.

Si si cci dùnanu altura dui Ugnati, motu 'un cci nni veni. Lu custureri pigghia lu singu, poi si menti a tag- ghiari. Lu pannu era dduppiu, e lu custureri cchiù tur- eia lu mussu. E chi manera è chista, Signuri, di vastuniàrimi mentri staju travagghiannu?! Lu custureri accumenza a tagghiari arreri , e tagghiannu tagghiannu turcia lu mussu cchiù assai. Lu Principi prontu: 'n'àutri du' Ugnati. Ora livàUvi d'erruri, signuri ' Singarl, segnare colla pietrj da sarti.

Pi ora livati di 'mmenzu lii vastuni, ca poi cu Firrazzanu mi la viju io. Minchiuna nuàtri ca nni ficimu livari di li so' paroli! Firrazsanti e lo parcàrti- 'Na vota Firrazzanu era dispiratu comu Papa 'nta lu 'nvernu, e si smiruddava di truvari un caminu comu pu- tissi arranciàrisi gualchi cosa.

Nesci di Palermu e vidi un bellu toccu di porci, ca vinia Parma a talialli di quanfe- ranu grossi e grassi. P'abbri viari Ju fattu, sicutau a fari sta vita pri 'na pocu di jorna, e a lu purcàru cci paria ca cci avissi vinutu la pruvidenzia di Diu senza circàrila. Menti pri mia. Firrazzanu cci avia dittu a' lu purcàru ca si chiamava lu Baruni Patruni— Comu. Subbitu la servu. Ora , chi vi nni pari?

Li porci vulili? Lu Principi di Missina mittemu ca si chiamava ac- cussi nun vinni nenti. Chissu chi diciti vui di ajeri è unu chi veni e mi diiua se' tari pri vidiri manciari a li porci, e pri chissu eu lu rispettu: ma chi patruni e pa- truni! Prestu, jamulu a circari. Ma chi Baruni e Baruni! Vai va- llava li pirnicani; e li pirnicani su' chisti. IJa musica di li scocchi. Wàutra vota Firrazzanu coi nni vosi fari Vàutra a la Principi; arricogghi 'na pocii di scocchi màsculi, e li si- tua sutta li finistruna di la Principi, 'nta F ara chi avia a manciari.

Ma Firrazzanu ch'era minchiuni ca si facia piscari? Santi-pedi-ajutati- mi! Xeu vinti pir centu. Chi fa? La Principissa a- spetta aspetta, junciu sina a la menzannotti. Veni lu Prin- cipi e trova la Principissa cu gran pinseri. Jamu ca la Principi s'arricogghi e nun trova a nuddu. Va nni la cacina, e cci spija a la coca, chi si manciava?

Haju caputa Nun m'avia dittu vostra 'Ccillenza di jiri a la casa cu lu me commudu? Quannu fui commudu jivi a fari la 'mmasciata. Palermo, 9. Comu junciu a Murriali si divirtiu, e lu 'nnumani addùa un carrettu e la jinchi tutta di terra, e si cci metti di saprà.

Scinni 'n Pa- lermu beddu pulitu e si metti a passiari a lu chianu di lu Palazzu. Allura Firrazzanu si prutistau ca si lu pig- ghiavanu javanu contra la Giustizia, pirchi iddu nun era 'n contra venzioni, ma era supra la terra di Marnali. La nutizia coi piaciu a lu Viciarrè e Passurviu. Ili centu Hgsiati. E chi fa? Firrazzanu e chiddu di i'ova. Gumincia a nèsciri a unu a unu l'ova di lu panaru e cci li metti supra li vrazza.

Chiddu cci cridia. Quannu cci parsi a iddu ca chiddu culFova 'un si putia arrimi- minari cchiù, cci sfigghia li causi e si nni va. Firrazzanu chi parrà a l'aricchia a In sceccu. Non venimmo noi a patti? Peso e misura non ti dà né ti toglie. Ferrazzano gli fa acctsiare al petto Tuno unito all'altro le braccia, e gli dice al vendit.

La ruttami , figurà- munn. E chissà fu la parrata a Faricchia di lu sceccu! Palermo, V'era un buco, e i facchini soleano nascondervi del pepe in polvere per condirsi le pagnotte la mattina. Vinniru li vastasi, e si cunzam li soliti pagnotti, e cci saliàru ddi belli spèzii.

Mancianu, e lu sapuri si cci sintia chi 'un eranu spèzii. Ferrazzaoo è la personificazione delle capestrerie , delle a- stuzie, delle facezie e delle burle siciliane, come altri nomi lo sono delle astuzie, delle burle e delle capestrerie di altre Pro- vincie e paesi. L , variante della nostra prima; Lw praw;sw di l'orvi, che si riscontra colla novella de' tre ciechi del Sacchetti; Li pirnici e faciani e Fa corna a lu harcuni.

IV, n. Un equivoco sinjile è in Somma, Cento Me conti , n. GXV Gli equivoci sempre si possono pigliare. Il servo conduce seco quattro portieri del carce- re. L'equivoco è nel doppio significato di portiere in napoli- tano. Meglio è anche il racconto CVll, che ha perfetto riscontro col nostro di Ferrazzano. Lo equivoco richiama alla favola 3. L'equivoco è col vi- tello che è anche il nome di un birro.

Straparola, Tredici piacev. XIII, fav. Nella XXVIl delie Novelle del Sacchetti, il Marchese Obizzo da Este comanda al Gonnella buffone, che subito vada via e non debba più stare sul suo terreno; e il Gonnella gli ricom- parisce davanti sopra una carretta di terra di Bologna; colla quale malizia si ottiene la grazia del suo Signore. Richiama ad un aneddoto simile che si legge nel libretto: Le sottilissime astuzie di Bertoldo, ecc.

Milano, Pagnoni, Quivi un villano Bertoldo capitando alla Corte di Alboino re de' Longobardi in Verona e facendone e dicendone di tutti i colori si riduce a tale che il re Io caccia via.

Bertoldo dice che si caccia le mosche, ma le mosche ritornano.

Trovasi pure come punizione data dalla regina e non dal principe nella 75 delle Sic. Un aneddoto molto simile è in Somma, Cento Racconti, n. Se non che, le cause dei fatti son altre.

Vieri da Castiglione. In generale, le capestrerie di Terrazzano si trovano quasi tut- te in un libretto in ottava rima che io non ho mai visto, in- titolato: Le buffonerie del Gonnella, cosa piacevole et da ridere ecc.

Passano: J Novellieri italiani in verso indicati e descritti, pag. Bologna Romagnoli E come attribuite ad altro ne fa cenno il citato Minnucci, in una nota al Malmantile, cant.

Ili, ottava Lu zu Crapianu. Si raccunta chi un viaggia cc'era un marita e 'nna mug- ghieri, e avianu ""nna figghia. Intanta chistii avia un locu vicinu lu paisi, e si chiamava lu zu Crapianu. Lu travagghiu di chistu 'unn'era àutru chi sempri 'ntra stu locu. Comu pigghiàru st'amicizia cu stu zu Crapianu sempri si nni jianu a lie- nazioni cu stu zu Crapianu. Intantu, chi circau di fari lu zu Crapia- nu? Mi dunanu unzi e si la pigghianu.

Modi di vivere della vecchia Trapani del Rione San Pietro. Questo post nasce anni fa Non saprei spiegare bene il motivo per cui non l'abbia fatto prima, ma oggi, mi sono deciso e so bene il Chiù scuru ri mezzannotte un po fari!

Stai attento Trapani, è allarme retrocessione! La coscienza popolare mi ha insegnato a non credere al titolo del mio post Trapani, fimmina longha longha. Volti da Trapani. Siti amici. Di cosa parlo Scrivo di Trapani, della sua bellezza, dei trapanesi e dei miei ricordi da trapanese. Come lo scrivo Scrivo di Trapani, dei miei ricordi, condivido foto, immagini, notizie, emozioni. Visualizzazioni totali.